la paura del foglio
Comunicare

La paura del foglio… blu

“È il primo articolo del mio blog, c’è da festeggiare! Vediamo un po’ di che argomento posso parlare, uno che non sia banale, che mi appartenga, che incuriosisca…” Eh no, eccola qui, puntuale arriva la fine dei festeggiamenti per lasciare la scena a lei: la paura del foglio bianco.

Incubo di tutti i creativi, scava nelle reminiscenze di temi scolastici, arriva all’improvviso e spaventa.

All’improvviso non ci sentiamo all’altezza della nostra creatività, crediamo di non farcela e di non avere nulla di interessante da dire. Ma ci sono alcune soluzioni veloci per soprassedere al panico del momento.

Non sono una psicologa, tantomeno un decano della scrittura, ma posso raccontare come, di solito, reagisco io. Per esempio, questo tema mi risolve già il problema iniziale, e mentre scrivo questo articolo sento di essere in un loop molto producente che chiameremo La paura del foglio… blu

Ed eccomi qui con il mio primissimo

Le cinque cose che

…puoi fare quando cerchi ispirazione e vuoi vincere il panico che ti assale.

Prima di tutto spegni il pc, chiudi il quaderno… insomma, non restare lì dove sei. Lascia anche i dubbi e le domande, svuòtati. La paura del foglio bianco non deve venire con te!

Solo quando sarai in grado di ricevere nuovi spunti inizia con la To do list:

  1. Esci di casa, cambia visuale, allunga l’orizzonte. Sarà banale, ma è pur sempre meglio che restare nella condizione iniziale in cui si cerca una risposta in un mare di nebbia. Cammina per strada guardando in aria, che le cose belle arrivano dal cielo. Di ciò che vedono i tuoi occhi osserva il contorno, non solo il centro. La visione perimetrale potrebbe riservare sorprese inedite! Fotografa tutto con gli occhi.
  2. Scegli il tuo album preferito, poi lascia andare liberamente Spotify, non skippare continuamente. Gli algoritmi sono nostri amici, sapranno loro (spesso, non sempre!) cosa farti ascoltare. Quando avrà finito con la musica che ascolti di solito, sceglierà alcuni brani per te simili ai tuoi preferiti. Tra queste ci sarà qualche canzone che non conosci, lasciati andare alle nuove note, potresti scoprire qualcosa di inedito.
  3. Osserva la gente. Spegni le parole che ti nascono in testa e ascolta chi incontri. Ascolta i gesti, la postura, osservala mentre parla con altre persone, e immagina quello che sta dicendo. Con la dovuta discrezione, gioca con le immagini che vedi, inventa storie. E scrivitele, scrivi tutto!
  4. Entra in libreria. In quel mare di storie è impossibile non trovare qualcosa di interessante! Prendi i libri in mano, toccali, annusali, aprili in una pagina a caso, e leggi! Leggi mezza pagina per ogni libro, però dopo scegline uno e portalo a casa! Se puoi, fatti consigliare dallə libraiə, o da altrə lettorə che sono lì, come te, alla ricerca di qualcosa di grande.
  5. Chiama un vecchiə amicə che non senti da tempo. Chiediglə come sta, come va, se la sua vita è cambiata e come, potrebbe donarti una fantastica avventura se saprai ascoltarlə tra le righe! E poi raccontati tu, potresti, nelle parole che scegli, scoprire sfumature di sentimenti che non riuscivi a vedere a caldo.

Se il foglio bianco fa paura, capovolgilo!

Fotografa con gli occhi!

Cambiare punto di vista è fondamentale, per tutto. Alla fine di questi 5 esercizi e dopo aver appuntato tutto, se ne hai il coraggio, torna alla tua postazione!

Adesso, prendi un foglio e una penna, inizia a scrivere senza fermarti (ma metti un timer!) Partendo dalla cosa più bella o più curiosa che hai incontrato nella passeggiata. Scrivi senza ragionarci troppo, collega i pensieri velocemente, in libertà. Alla fine, fatti una tisana, e rileggi tutto con calma.

Ti ricordi da dove sei partitə? Ti ricordi dove volevi arrivare? Ecco, adesso cerca, tra le parole che hai scritto, le risposte alla tua domanda iniziale. E se non dovesse bastare? Domani ricomincia!

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è davanti ai nostri occhi, ma spesso ci facciamo confondere da pensieri che non desideriamo. Allora apriamo le finestre, arieggiamo gli ambienti nella nostra testa e lasciamoci penetrare dalla vita fuori di noi.

E così chiudiamo anche il primo articolo sul tuo blog senza aspettative ma con tantissimi colori!

Se hai bisogno di altri consigli su come Comunicare dimmelo pure, scrivi@mariablu.it

Buona strada a noi!

2 commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *